Nascita bis: l’evento ‘realmente’ cruciale per tutti

Dopo aver scritto ‘La nascita, il giorno più importante‘, ho continuato a elaborarne i contenuti rendendomi sempre più conto che la sua influenza sulla nostra vita è paragonabile a un filtro colorato perennemente piazzato davanti agli occhi. Il modo in cui l’esistenza si plasma dipende principalmente dalla qualità delle emozioni che ci accompagnano, e la nascita è l’evento che imprime a fuoco quella di base che le condizionerà tutte per l’intero arco della nostra vita terrena.

Mi sono poi imbattuto nel lavoro di Stanislav Grof, psichiatra e ricercatore nel campo degli stati di coscienza non ordinari (qui un approfondimento sul suo lavoro), potendo constatare che la mia idea, nonostante sia totalmente autoprodotta, ha validi fondamenti.

Nella prima metà del libro ‘La mente olotropica‘, lo scienziato la convalida in toto proseguendo in profondità e sviscerando l’importanza delle quattro fasi del nostro venire al mondo.

Scoprire l’imponenza della fama di Grof dopo aver conosciuto il suo punto di vista è stata una piacevole sorpresa, significa che molte persone sfuggono ai dettami della scienza più dogmatica e meno sensata attribuendo grande importanza a questo evento cruciale.

Era poi inevitabile che elaborassi a mio modo le informazioni acquisite in questi giorni giungendo a formulare un’ipotesi particolare sulle persone che, come me, sono venute al mondo in modo non convenzionale, ovvero (nel mio caso) tramite parto cesareo.

Mi spiego in termini molto semplici: se non intervengono fattori di disturbo, la goccia che si separa dall’oceano della Coscienza per diventare un piccolo Uomo, nella pancia della mamma si trova davvero bene. Certo, ormai si trova ‘nel mondo di qua‘, ma il suo passaggio è graduale, l’ambiente totalmente confortevole e il legame con ‘il mondo di là‘ ancora forte e rassicurante.

Al momento di un un parto normale l’utero, che sinora è stato un universo morbido e accogliente, comincia a comprimere con forza il piccolo allo scopo di espellerlo. La sensazione di soffocamento e di tradimento che ne emergono, insieme alle difficoltà e ai disagi fisici comunque imponenti e potenzialmente fatali che il nascituro sperimenta durante l’eternità che gli serve a uscire dal corpo della madre, fanno sì che, sempre e come minimo, viva una sorta di morte psicologica: l’universo uterino trova compiutezza in questa morte e la vita del piccolo ricomincia altrove.

E’ questa la nascita ‘vera’: dopo una quiete protrattasi per mesi, si esce dalla tenebra di un’esperienza allucinante che ha realmente rischiato di distruggerci, si viene salvati da un mondo che è sì totalmente sconosciuto, ma si presenta anche nei panni del salvatore e, per giunta, ci regala due semidei, due colonne (i genitori) sulle quali potremo poggiarci per costruire e plasmare la nostra nuova realtà. In una parola, ciò che proviamo è la ‘gratitudine’ assoluta.

Tutto ciò ha senso, appare un modo molto intelligente di mettere un nuovo essere nelle condizioni ideali per dare il meglio di sé.

Ma cosa accade se quella morte psicologica non la viviamo (qui il dramma della mia nascita)? Cosa accade nella nostra psiche se, invece, veniamo d’improvviso strappati dalla beatitudine di una quiete perfetta e introdotti in modo necessariamente traumatico in una dimensione che ci è totalmente aliena e, quindi, non ci lascia altra scelta che percepirla come ostile? Nessuna morte sancirà l’inizio della nostra riconoscenza per il nuovo mondo, nessuno romperà il forte legame con la Coscienza dalla quale ci siamo separati, e le figure genitoriali non acquisiranno ai nostri occhi l’enorme importanza che invece avrebbero se li percepissimo come i rappresentanti di un mondo accogliente e rassicurante piuttosto che totalmente ostile. Ecco che, perciò, si trascorre una vita nella sensazione di appartenere a un altro mondo, si rifiuta quello concreto e, molto spesso, ci si rifugia nel pensiero magico, ma questa è un’altra storia che avremo modo di approfondire.

Francesco Pandolfi Balbi

Francesco Pandolfi Balbi

Sono un eremita estroverso. Mi comporto quasi sempre da onda, quasi mai da particella. Amo il silenzio, permette di spaziare con i sensi sin quasi all'infinito. Gli ho dedicato un intero sito. Indago sulle grandi domande di sempre e ho delle risposte. Mie, organiche, discutibili come ogni altra. Metto a frutto i miei giorni per comprendere. E' un gioco di quelli 'bambini' che mi assorbe totalmente. Cerco sempre di condividerlo con chi sento sulla mia stessa lunghezza d'onda. Infatti, per illuminarmi la via, ho sempre usato tre lanterne: la bellezza, l'armonia, l'amore per la condivisione. Mi piace assumermi la responsabilità del mio punto di vista e agisco per creare equilibrio. Ecco perché, tra le altre cose, scrivo libri e, attraverso il sito MAGRAVS Italia, cerco di far conoscere la tecnologia Keshe... una cosa pazzesca che sta cambiando il mondo... Di me parlo anche in questa pagina.
Francesco Pandolfi Balbi

Latest posts by Francesco Pandolfi Balbi (see all)

In risalto: Lo Schema generale della Psicologia Olografica


Video introduttivi sulla Psicologia Olografica

Prima puntata: le origini della Psicologia Olografica   Seconda puntata: l'elemento smarrito: la Coscienza   Terza puntata: la Coscienza fuori e dentro lo Specchio

Sono un eremita estroverso. Mi comporto quasi sempre da onda, quasi mai da particella. Amo il silenzio, permette di spaziare con i sensi sin quasi all'infinito. Gli ho dedicato un intero sito. Indago sulle grandi domande di sempre e ho delle risposte. Mie, organiche, discutibili come ogni altra. Metto a frutto i miei giorni per comprendere. E' un gioco di quelli 'bambini' che mi assorbe totalmente. Cerco sempre di condividerlo con chi sento sulla mia stessa lunghezza d'onda. Infatti, per illuminarmi la via, ho sempre usato tre lanterne: la bellezza, l'armonia, l'amore per la condivisione. Mi piace assumermi la responsabilità del mio punto di vista e agisco per creare equilibrio. Ecco perché, tra le altre cose, scrivo libri e, attraverso il sito MAGRAVS Italia, cerco di far conoscere la tecnologia Keshe... una cosa pazzesca che sta cambiando il mondo... Di me parlo anche in questa pagina.