Keshe Foundation: bufala o svolta per l’Umanità?

Mr. Keshe, ingegnere nucleare

Iraniano, Ingegnere nucleare, Mehran Tavakoli Keshe stupisce il mondo.

Apparentemente è il più grande filantropo di tutti i tempi, e Dio solo sa se oggi abbiamo bisogno di una simile figura.

Di fatto, come accade per la politica e una miriade d’altri argomenti, solo un pugno di persone (difficilmente si riveleranno appartenenti al gregge della scienza ufficiale) ha le carte in regola per dirci se il proclama della Keshe Foundation di regalare il 21 settembre 2012 a tutti gli stati del mondo energia facile, inesauribile e a basso costo corrisponde a realtà.

O se, invece, siamo di fronte a un piano davvero ben congegnato al fine di fare tanti… tanti soldi vendendo fumo (si veda la delusione della Skycar).

Se quanto proclamato dalla Keshe Foundation fosse vero, l’attuale equilibrio planetario e la sussistenza delle espressioni del potere occulto sarebbero spacciati.

Gli universi scientifico, politico (nella fattispecie, tanto per cominciare, Barak Obama) e finanziario stanno già scatenando i propri anticorpi, ma nessuno ha la minima idea della vastità dell’escalation alla quale andremo incontro se, come promesso, Keshe regalasse al mondo non solo energia totalmente free, ma anche la cura di molte malattie, la fine dell’inquinamento, la possibilità di volare con la propria auto da Teheran a New York in appena dieci minuti e un sacco di altre cose da fantascienza.

Non v’è dubbio che, nonostante la missiva (la seconda, per la precisione) già indirizzata dalla Fondazione Keshe a tutti gli stati del mondo al fine di diffondere gratuitamente i contenuti di questa strabiliante (e ipotetica) teoria, nei prossimi giorni il tamtam della rete sarà eletto a unico mezzo di diffusione di queste informazioni. Si scateneranno gli scettici e i nostalgici, i visionari e gli affaristi, ma solo a fine settembre, forse, sapremo come stanno veramente le cose.

Nel sito della fondazione (MAGRAVS Italia, invece, è il sito italiano dedicato alla tecnologia Keshe) è tutto alla luce del sole, ma la lingua inglese e l’esposizione per forza di cose sibillina certo non aiutano chi, come me, mastica nozioni di fisica solo con la dentiera. Forse ci conviene continuare a riempirci la testa dimmondizia e aspettare settembre…

Si fa fatica ad immaginare una Terra libera dalla lotta per l’energia. Certo il genere umano si ritroverebbe meravigliosamente catapultato in una realtà basata su meccanismi mai visti nel corso della storia che conosciamo, e il potere occulto sarebbe costretto a concentrare l’attenzione sulla sola manipolazione dell’informazione… Anche se una società più ricca sarebbe libera dalla lotta per la sopravvivenza e, probabilmente, avrebbe molto più tempo per esercitare un po’ di raziocinio. Insomma, forse i gatti resterebbero senza trippa…

Energia libera per tutti, però, significa anche, di fatto, armi terribili a disposizione di chiunque. Siamo proprio certi che il mondo sia pronto per un evento di tale portata?

Certo il potere che ha gestito le sorti del globo negli ultimi secoli è malato di protagonismo. Certo non pensa al singolo, ma a realizzare le proprie follie.

Siamo un gregge che produce carne, latte e sudore, ma un pastore, per quanto squinternato, c’è.

Ha cura della nostra sopravvivenza.

In fin dei conti, tutti ormai sanno o sentono che non se ne può più. L’epoca di decadenza che conosciamo, in un modo o nell’altro, percorre gli ultimi passi verso il mutamento.

Se poi ci sarà vita vera, morte o solo sopravvivenza, lo decideranno i mesi e, mi auguro, gli anni a venire.

Certamente la vita è un miracolo continuo. Di questo sono fermamente persuaso: troppe variabili, troppe azioni, troppa leggerezza e nevrosi nelle nostre menti.

In un modo o nell’altro, un qualche tipo di coscienza ci tiene insieme su questo pezzo di fango.

Forse, allora, continuerà a farlo.

Forse il peggio è passato sul serio…

Che sia davvero giunta, e in modo totalmente inaspettato, la fine del quinto sole dei Maya?

Spunta una reminiscenza.

… E il fuoco giungerà dall’oriente…

E’ una profezia del Ragno Nero. Keshe è iraniano e starebbe per donare al mondo il fuoco perpetuo…

I conti tornerebbero…

Per approfondire:

MAGRAVS Italia, il sito italiano interamente dedicato alla Tecnologia Keshe

http://www.brucialanotizia.it/2012/09/12/fondazione-keshe-e-in-arrivo-una-rivoluzione-tecnologica/

http://www.iconicon.it/blog/2012/09/l%E2%80%99eredita-di-keshe-onu-casa-universale-della-giustizia-israele/

http://www.dionidream.com/tecnologia-keshe-cosa-sara-rivelato-nella-conferenza-del-21-settembre/

http://www.dionidream.com/la-tecnologia-keshe-la-vera-forza-del-quarto-stato-della-materia/

http://www.dionidream.com/keshe-foundation-in-arrivo-free-energy-per-tutti/

Grazie a Marzia per la segnalazione 🙂

In risalto: Lo Schema generale della Psicologia Olografica


Video introduttivi sulla Psicologia Olografica

Prima puntata: le origini della Psicologia Olografica   Seconda puntata: l'elemento smarrito: la Coscienza   Terza puntata: la Coscienza fuori e dentro lo Specchio
Scritto da :

Sono un eremita estroverso. Mi comporto quasi sempre da onda, quasi mai da particella. Amo il silenzio, permette di spaziare con i sensi sin quasi all'infinito. Gli ho dedicato un intero sito. Indago sulle grandi domande di sempre e ho delle risposte. Mie, organiche, discutibili come ogni altra. Metto a frutto i miei giorni per comprendere. E' un gioco di quelli 'bambini' che mi assorbe totalmente. Cerco sempre di condividerlo con chi sento sulla mia stessa lunghezza d'onda. Infatti, per illuminarmi la via, ho sempre usato tre lanterne: la bellezza, l'armonia, l'amore per la condivisione. Mi piace assumermi la responsabilità del mio punto di vista e agisco per creare equilibrio. Ecco perché, tra le altre cose, scrivo libri e, attraverso il sito MAGRAVS Italia, cerco di far conoscere la tecnologia Keshe... una cosa pazzesca che sta cambiando il mondo... Di me parlo anche in questa pagina.