Per chi

I Fire sono costretti a gestire un legame privilegiato con la vita.
Sono una minoranza sparsa in ogni dove e circondata di silenzio, ma SONO UN INTERO POPOLO nel quale sopravvivono intatti i principi e le forze naturali che la maggior parte degli Uomini abbandonò millenni or sono. E’ un popolo d’individualisti, delusi e arrabbiati con una società che celebra la dipendenza e disprezza la vita. Soffrono profondamente la scarsità d’intelligenza e di rispetto e sono costantemente alla ricerca d’interlocutori che gli facciano vivere la gioia di condividere emozioni, pensieri, progetti.

I Fire amano fare e fanno di tutto per esprimersi al meglio delle proprie possibilità.
Alcuni di loro sono rassegnati alla solitudine dell’anima, altri non ancora… ma pochi conoscono meglio di loro il significato profondo di concetti come condivisione, aiuto, dono, gratitudine, (com)passione, amicizia, fratellanza, eternità… e poi ancora bellezza, spontaneità, armonia, intelligenza, etica, praticità… ce l’hanno ‘nel sangue’.

Il Progetto FIRE è nato per permettere a queste persone di uscire dalla solitudine, riconoscersi, incontrarsi, riscoprire l’importanza profonda dell’esistenza e coordinare le proprie immense potenzialità.

Il margine di miglioramento sociale è quasi inimmaginabile, condizionato esclusivamente dalla velocità con cui i Fire riusciranno ad accettare mentalmente la concretezza e la reale fattibilità di una spinta sociale basata sulle buone emozioni e di un progetto costruito intorno alla forza più grande presente nell’Uomo: quella che lo tiene costantemente e intimamente collegato alla natura e al creato.
In un simile contesto, basato appunto sulle buone emozioni non per regola ma per semplice natura, avere idee diverse non causa contrasti e costituisce, invece, un valore aggiunto preziosissimo che tutti possono utilizzare per costruire evoluzione.
Le differenze generano ricchezza. I Fire questo lo sanno bene, perciò tendono ad astenersi dal giudicare le diversità e a concentrarsi sui modi migliori di collaborare per costruire piacevolmente bellezza.

Approfondisci: perché identificarsi Fire?

Ti senti già uno di noi?

Agisci subito…

Iscriviti alla newsletter e comincia a spargere la voce!

Francesco Pandolfi Balbi

Sono un eremita estroverso: adoro conoscere persone fiere, autonome, dalla mente aperta.
Parlare dei soliti argomenti mi deprime: uno scambio, per me, si fa interessante se consiste in un reciproco dono di ricchezze esperienziali.
Di solito sono l'autenticità, la riflessione, l'umorismo ad attrarmi... purché siano basati sulla personale interpretazione di vissuti reali.
Alle frasi di circostanza preferisco di gran lunga il silenzio (gli ho dedicato un'intera sezione del mio sito): dona intimità, permette di spaziare con i sensi sin quasi all’infinito rendendo possibile indagare molto piacevolmente sulle grandi domande di sempre. Questo gioco, per me, è essenziale: osservare ciò che posso per cogliere i segreti della magnificenza della quale sono parte, è come respirare.
Mi piace assumermi la responsabilità del mio punto di vista e agisco per creare equilibrio. Ecco perché, fra le altre cose, ho ideato il metodo Life Reset e, attraverso il sito MAGRAVS Italia, cerco di far conoscere la tecnologia Keshe: una cosa pazzesca che sta cambiando il mondo.
Di me parlo anche in questa pagina.
Francesco Pandolfi Balbi

Latest posts by Francesco Pandolfi Balbi (see all)